SPRACHE

Campagne – Sport

La campag​​na


​400 000 infortuni sportivi l'anno sono troppi

Ogni anno circa 400 000 persone residenti in Svizzera si infortunano praticando sport all'estero o sul territorio nazionale. E il numero tende ad aumentare. 140 persone perdono la vita, prevalentemente negli sport di montagna. Troppi secondo l'upi – Ufficio prevenzione infortuni. Con la campagna «Faccio sport quindi rifletto» l'upi s'impegna contro questi infortuni. Chiunque faccia sport può contribuire a ridurre il numero degli infortuni mostrando un comportamento responsabile. La campagna tematizza diversi sport che normalmente vengono praticati autonomamente e senza l'istruzione di un esperto.

L'upi non vuole scoraggiare le persone e indurrle a non fare più sport, al contrario: lo sport fa bene. Chi si dedica a un'attività sportiva deve però porsi alcune domande. Uso l'equipaggiamento giusto? Come mi devo comportare? Sono pronto a livello psicofisico per quello che intendo fare? Supero i miei limiti fisici o rischio troppo? Lo slogan «Faccio sport quindi rifletto. Stop infortuni nello sport» sensibilizza le persone, invitandole a porsi tali quesiti.

L'attore principale è «Aldo lo spavaldo». Aldo provoca gli sportivi che si comportano correttamente e in modo sicuro, incitandoli a correre dei rischi. Si burla per esempio di una ciclista per la pettinatura schiacciata dal casco o stuzzica un uomo in palestra ad aggiungere qualche disco. Ma nessuno ascolta «Aldo lo spavaldo», i due sportivi restano imperturbabili. Per divulgare il messaggio della campagna, oltre a ricorrere agli spot televisivi e al canale YouTube, l'upi sarà presente anche in occasione di diversi eventi sportivi. 


Sito della campagna

Link: Faccio sport – quindi rifletto​


​Mate​​riali


Manifesti

manifesto faccio sport manifesto sport giubbotti di salvataggio

​Ordinare i manifesti della campagna qui.​

Spots TV «Uscite in gommone»

 
 
 



Spot TV «trek​king»

 


Spot TV «​​sciare»

 


Spot TV «pale​stra»

 

 

Spot TV «moun​tain bike»

 


​​​