Il percorso casa-scuola che mio figlio deve compiere è pericoloso (ad es. strada senza passaggi pedonali). Che cosa può fare l'UPI?

L'UPI fornisce consulenze ad autorità comunali, cantonali e federali, studi di ingegneria e architettura e altre organizzazioni su questioni riguardanti la sicurezza stradale (infrastruttura, segnaletica orizzontale e verticale ecc.). Le sue prestazioni consistono in consulenze tecniche scritte o orali, analisi di incidenti o valutazioni di progetti stradali. L'UPI non può dar seguito a richieste di privati.

Ti consigliamo di scrivere all'autorità comunale o cantonale competente per segnalare il problema, proponendole eventualmente di rivolgersi all'UPI per un'analisi di sicurezza. L'autorità potrà poi contattarci e chiederci una consulenza (qui trovi maggiori informazioni).

L'UPI può solo formulare raccomandazioni. La decisione di attuare le misure da noi raccomandate è di esclusiva competenza dell'autorità competente.

È accettabile che dei bambini di 4-6 anni debbano prendere l'autopostale da soli, senza un adulto che li accompagni, per andare alla scuola dell'infanzia?

Secondo la legge federale sul trasporto di viaggiatori, i trasporti scolastici speciali non devono pregiudicare l'esistenza delle offerte di trasporto pubblico (Art. 9 cpv. 2, lett. b, Ziff. 2 LTV). Ciò significa che i bambini devono utilizzare in primo luogo i normali trasporti pubblici per recarsi a scuola. L'Ufficio federale delle strade ha risposto come segue alla nostra richiesta di precisazioni: «Gli incidenti che vedono coinvolti bus di imprese di trasporto pubblico sono molto rari. Gli autisti beneficiano di una formazione adeguata e guidano veicoli controllati regolarmente in base a requisiti molto severi. Di conseguenza non vi è nessuno conflitto tra l'obiettivo della sicurezza stradale e la decisione del legislatore di obbligare gli allievi a utilizzare in primo luogo i trasporti pubblici».

In una sua decisione (sentenza 100 2013 433 del 15.07.2014), il Tribunale amministrativo del Canton Berna ha affrontato tra l'altro la questione di sapere se per un bambino sia accettabile compiere una parte del tragitto per recarsi alla scuola dell'infanzia con il bus locale. Basandosi su un rapporto di esperti della Polizia cantonale di Berna, il Tribunale è giunto alla conclusione che, almeno per i bambini di età compresa tra i 4 e i 6 anni, il rischio dovesse essere ridotto a un livello accettabile con altre misure. Nel caso concreto, i giudici hanno stabilito che i bambini dovessero essere accompagnati e sorvegliati da adulti. Non trattandosi di una decisione del Tribunale federale, non si può escludere che le autorità giudiziarie di altri cantoni decidano diversamente, a seconda delle circostanze specifiche.

Lo scuolabus che mio figlio deve prendere per andare a scuola non dispone né di cinture di sicurezza né di sistemi di ritenuta. È ammissibile?

Se il servizio di trasporto scolastico non è destinato esclusivamente ad allievi, ma ad allievi e ad altre persone, ed è effettuato con mezzi del servizio di linea della rete di trasporto pubblico regionale (ad es. autopostali o bus urbani), gli autisti e i viaggiatori sono esonerati dall'obbligo generale di allacciare le cinture di sicurezza.

Se lo scuolabus rientra nella categoria di veicoli definita dalla legge (furgoncini e autobus con posti e abitacolo di dimensioni ridotte nonché peso per persona limitato, specialmente concepiti per il trasporto di bambini) o se il trasporto scolastico è effettuato con un autobus/pullmann normale, le cinture di sicurezza disponibili possono essere utilizzate già dal 4° anno di età; in questi casi i sistemi di ritenuta non sono obbligatori.

Tuttavia, se sono trasportati in un furgoncino con sedili normali muniti di cinture a tre punti, gli allievi devono essere assicurati con sistemi di ritenuta (ad es. rialzi) fino a 12 anni o finché raggiungono 150 cm di altezza (fa stato il limite raggiunto per primo). Se il bus dispone solo di cinture addominali, i bambini possono essere trasportati senza sistemi di ritenuta già dai 7 anni, ma devono usare le cinture disponibili, come gli adulti. Per maggiori informazioni su questo tema puoi consultare la pagina di consulenza giuridica «Sicurezza dei bambini negli autoveicoli in genere e specificatamente nei trasporti di allievi».

La questione dell'equipaggiamento di questi mezzi con cinture di sicurezza è molto complessa e dipende dal tipo di veicolo. Ti consigliamo di contattare il servizio della circolazione competente e di chiarire questo aspetto in base alla licenza di circolazione.

Chi risponde sul percorso casa-scuola se dovesse succedere qualcosa (incidente, danno ecc.)?

Il percorso casa-scuola ricade sotto la responsabilità e l'obbligo di protezione dei genitori, con alcune eccezioni. Se il tragitto è troppo lungo e faticoso per i bambini o se comporta pericoli inaccettabili, l'autorità competente (comune, scuola ecc.) ha determinati obblighi, ad esempio quello di istituire un servizio di trasporto scolastico. In questo caso la responsabilità spetta all'autorità competente. Per quanto riguarda la responsabilità in caso di infortunio o danno, non si possono definire regole generalmente valide per stabilire chi può essere chiamato a rispondere civilmente e/o penalmente. Ad essere determinanti sono sempre le circostanze concrete. Ciò significa che si conducono indagini per capire come si sono comportate le persone coinvolte e chi ha causato l'incidente.

Qui trovi maggiori informazioni sull'obbligo di protezione e la responsabilità degli insegnanti durante le lezioni.

A mio avviso il percorso casa-scuola è inaccettabile. Cosa posso fare?

Ti consigliamo di rivolgerti in primo luogo alla direzione scolastica che ti indicherà il servizio competente (autorità) con cui discutere delle tue preoccupazioni circa la sicurezza del percorso casa-scuola. Se questo passo non porta a una soluzione, chiedi che venga emanata una decisione contro la quale potrai eventualmente interporre ricorso.

Ogni decisione riporta indicazioni sui rimedi giuridici, ossia informazioni su
dove ed entro quale termine puoi opporti alla decisione.

Trovi maggiori informazioni nella scheda «Pour un chemin de l’école acceptable – Le droit à l’éducation commence sitôt la porte franchie» di Mobilità pedonale Svizzera.

La scuola vieta ai miei figli di venire in bicicletta o in monopattino. Ha il diritto di farlo?

Dato che in generale il percorso casa-scuola ricade sotto la responsabilità dei genitori, spetta a loro decidere come i figli devono o possono compiere il tragitto, nel rispetto del codice della strada. La scuola può tuttavia pronunciare divieti all'interno del sedime scolastico.

Con la mia automobile trasporto altri bambini, oltre ai miei figli. Posso essere considerato responsabile in caso d'incidente?

Purtroppo non possiamo rispondere con precisione a domande riguardanti questioni di responsabilità o assicurazione. Non esistono regole generalmente valide per stabilire eventuali responsabilità in caso d'incidente. Se non hai nessuna colpa e se tutti i tuoi passeggeri erano allacciati correttamente e in modo conforme alla loro età, dovrebbe rispondere l'assicurazione di chi ha causato l'incidente. Ti consigliamo di contattare la tua assicurazione per chiarire la questione.

Con la mia automobile trasporto altri bambini, oltre ai miei figli. Mi serve un documento speciale?

Per chi effettua trasporti scolastici possono essere necessari diversi documenti e autorizzazioni. In primo luogo, a seconda del tipo di veicolo utilizzato, il conducente deve disporre della relativa licenza di condurre. Non è richiesto un certificato di capacità per i trasporti scolastici effettuati con veicoli fino a otto posti a sedere, autista escluso (categoria B).

Se i trasporti scolastici sono effettuati a titolo professionale, occorrono un'autorizzazione e la relativa registrazione nella rubrica 17 della licenza di circolazione. L'autorità competente è il servizio della circolazione. Sono considerate professionali le corse effettuate regolarmente da un conducente o con un veicolo allo scopo di conseguire un profitto economico. Le corse sono regolari se effettuate almeno due volte a intervalli di tempo inferiori ai 16 giorni. Il profitto economico è dato qualora per il trasporto sia richiesto un prezzo che superi le spese del veicolo e il rimborso delle spese del conducente. Se il conducente è titolare della licenza di condurre della categoria D (autoveicoli adibiti al trasporto di persone con più di otto posti a sedere, escluso quello del conducente) o D1 (autoveicoli adibiti al trasporto di persone con più di otto posti a sedere, ma non più di sedici, escluso quello del conducente), l'autorizzazione gli viene rilasciata senza che debba sostenere un esame. L'autorità competente è il servizio della circolazione. Per i trasporti scolastici effettuati per esempio da impiegati comunali con veicoli appartenenti al comune non è necessaria un'autorizzazione.

Gli scuolabus devono essere muniti dell'apposito contrassegno?

I furgoncini e gli autobus adibiti al trasporto di allievi possono essere muniti, davanti e dietro, dell'apposito contrassegno. Il contrassegno deve essere coperto o tolto se il veicolo non è utilizzato per il trasporto di allievi.

Qui trovi maggiori informazioni sull'accettabilità del percorso casa-scuola e sulla giurisprudenza in materia.

shopping_cart
Vai al carrello
0

Congratulazioni, la sicurezza nello sport è importante per te.

Scopri i preziosi consigli dell’UPI per la tua attività sportiva.

Congratulazioni, la sicurezza nello sport è importante per te.