Consigli

Casco da sci o da snowboard Come sceglierli?

Basta poco per infortunarsi sulle piste. Un casco da sport sulla neve può quindi essere molto utile per evitare lesioni alla testa. L’UPI ti spiega come comperare il modello adatto a te.

I 4 consigli principali

  • Compera un casco da sci o snowboard omologato EN 1077 e preferibilmente anche conforme agli standard di sicurezza della FIS.
  • I migliori sono i modelli dotati di tecnologia MIPS.
  • Prova il casco prima di comperarlo: deve calzare bene anche con gli occhiali.
  • Fai un test con il sottogola aperto: il casco non deve dondolare nemmeno se scuoti la testa.

Tutti o quasi indossano il casco

Incredibile! Una ventina di anni fa era raro trovare sulle piste sciatrici e sciatori o snowboarder con il casco. Nella stagione 2002/2003 la percentuale di chi lo indossava era del 20% tra snowboarder e appena del 14% tra chi praticava lo sci.

Oggi il casco da sport invernali è parte integrante dell’equipaggiamento proprio come i guanti tanto che oltre il 90% di chi pratica lo sci o lo snowboard lo usa.

Nelle altre discipline invece il quadro è un po’ diverso. Ad esempio solo la metà di chi va a slittare ne mette uno.

Un casco è sempre utile

Il casco serve evidentemente a proteggere la testa. Purtroppo, ogni anno tra la popolazione svizzera si contano circa 67 000 infortuni durante la pratica dello sci, dello snowboard o dello slittino. Circa il 15% delle lesioni riguarda la testa. Un terzo di questi infortuni potrebbe essere evitato usando il casco.

Norme e standard

I caschi da sci e da snowboard in Svizzera devono essere conformi alla norma europea EN 1077. Un modello di questo tipo è fondamentalmente sicuro. Pensaci quando ne comperi uno. Ancora più sicuri sono quelli che soddisfano gli standard di sicurezza della Federazione internazionale di sci (FIS).

I migliori sono i modelli con tecnologia MIPS in grado di ridurre le lesioni causate da urti rotazionali. Il «Multi Directional Impact Protection System» si compone di una calotta in polistirene espanso, una calotta a basso attrito e, tra le due, un sistema di fissaggio con elastomeri che permette di ridurre la forza rotazionale trasferita al cervello. Si tratta insomma di sistemi che smorzano il movimento rotazionale generato da un impatto angolare. Per una protezione migliore.

Niente scuse

I caschi sono leggeri e pratici. Non pregiudicano né l’udito né la visuale. E oltretutto tengono la testa calda. Sul mercato se ne trovano di mille colori e modelli diversi.

Indossa sempre il casco quando fai snowboard, vai a sciare, a slittare o pratichi un altro sport sulla neve.

Approfondimenti giuridici

Sport è sinonimo di libertà e crescita individuale. Tuttavia, anche gli sportivi devono rispettare le leggi.

Per maestre e maestri di sci e di snowboard

Il tema della sicurezza è essenziale nella formazione. Oltre all’attrezzatura giusta, si tratta anche di lasciare agli altri spazio a sufficienza e di conoscere i propri limiti. L’app «Snow Safety» dell’UPI fornisce materiale didattico sia per istruttrici e istruttori che per le/i partecipanti: video, idee di esercizi e un quiz per tutte/i coloro che vogliono essere ancora più sicure/i quando si scia o si fa snowboard.

Il tuo team UPI

Benedikt Heer

Benedikt Heer

Consulente Sport e attività fisica

Pubblicazioni e materiale

  • Tasso d’uso delle protezioni nello sci e nello snowboard – Rilevazione 2019

    Ricerca e statistica, Rilevazione A4, 4 pagine, 2.999, disponibile anche in tedesco, inglese, francese
    picture_as_pdf Scaricare PDF
  • Tasso d’uso di protezioni nelle attività con slitta-slittino – Rilevazione 2016

    Ricerca e statistica, Rilevazione A4, 2 pagine, 2.999, disponibile anche in tedesco, francese, inglese
    picture_as_pdf Scaricare PDF
  • Quali caschi sono adatti allo slittino

    Ricerca e statistica, Basi A4, 26 pagine, 2.381, disponibile anche in tedesco, francese, inglese
    picture_as_pdf Scaricare PDF
shopping_cart
Vai al carrello
0