Circolare a velocità sostenuta aumenta il rischio di incidente e influenza la gravità delle ferite riportate. Dal punto di vista giuridico, la velocità è un elemento determinante per stabilire se un conducente riesce a padroneggiare il proprio veicolo in modo da rispettare gli obblighi di prudenza. Non per nulla l'art. 32 cpv. 1 della legge sulla circolazione stradale (LCStr) impone di adeguare sempre la velocità alle circostanze. Questo obbligo è previsto sia dalle prescrizioni generali in materia di limiti di velocità, sia da quelle in vigore localmente.

Circostanze determinanti: che cosa dice la legge?

L'art. 32 cpv. 1 LCStr elenca in modo non esaustivo le circostanze determinanti, tra cui figurano:

Condizioni della strada keyboard_arrow_down

Il conducente deve adeguare la velocità al tipo e allo stato della strada percorsa. Deve inoltre tenere conto delle condizioni del fondo stradale (ad es. neve, ghiaccio, umidità, fogliame). Esempi tratti dalla giurisprudenza del Tribunale federale:

  • L'automobilista che, nonostante la pioggia battente, circola in autostrada a una velocità di circa 120 km/h e sbanda a causa dell'aquaplaning mette gravemente a rischio la sicurezza del traffico (sentenza del Tribunale federale 120 Ib 312 del 3.11.1994). Cliccare qui per consultare il riassunto della sentenza.
  • Se la strada è ghiacciata, l'automobilista deve dar prova della necessaria prudenza per evitare di perdere il controllo del veicolo; dato il caso, deve procedere a passo d'uomo (sentenza del Tribunale federale 101 IV 221 del 23.5.1975). Cliccare qui per consultare la sentenza.
  • Il conducente che circola d'inverno su una strada di montagna deve tenere conto della presenza di solchi nella neve indurita e adeguare il suo modo di guidare (sentenza del Tribunale federale 102 II 343 del 15.10.1976). Cliccare qui per consultare l'analisi della sentenza.

Condizioni della circolazione keyboard_arrow_down

Il conducente deve adeguare la velocità in modo da padroneggiare il veicolo nelle condizioni specifiche e rispettare gli obblighi di prudenza che gli incombono. Deve in particolare tenere conto delle situazioni seguenti: traffico molto intenso con varie categorie di utenti, condizioni in cui è difficile avere una buona visione d'insieme, bambini sul bordo della strada che non prestano attenzione al traffico. Esempi tratti dalla giurisprudenza del Tribunale federale:

  • Velocità non adeguata alle condizioni del traffico e alla visibilità (forte traffico, crepuscolo): condanna per omicidio colposo (sentenza del Tribunale federale 6B_520/2008 del 28.10.2008). Cliccare qui per consultare il riassunto della sentenza.
  • Circolare a una velocità di 77 km/h lungo una strada nei pressi di una scuola dell'infanzia all'ora di inizio/fine delle lezioni: revoca della licenza di condurre (sentenza del Tribunale federale 121 II 127 del 26.4.1995). Cliccare qui per consultare il riassunto della sentenza.

Condizioni di visibilità keyboard_arrow_down

A tenore dell'art. 4 cpv. 1 dell'ordinanza sulle norme della circolazione stradale (ONC), il conducente deve circolare a una velocità che gli permette di fermarsi nello spazio visibile; se l'incrocio con altri veicoli è difficile, deve potersi fermare nella metà dello spazio visibile. Esempi tratti dalla giurisprudenza del Tribunale federale:

  • Adeguare la velocità alla visibilità: questa norma vale anche sulle autostrade, in particolare se si circola di notte con le luci anabbaglianti (sentenza del Tribunale federale 126 IV 91 del 6.4.2000). Cliccare qui per consultare il riassunto della sentenza.
  • Circolare con una fitta nebbia lungo una strada extraurbana non illuminata con temperature vicine allo zero, la carreggiata umida e una visibilità di soli 50 m e accelerare a 70 km/h per superare due autovetture: omicidio con dolo eventuale di un motociclista che sopraggiungeva in direzione opposta (sentenza del Tribunale federale 6B_1050/2017 del 20.12.2017). Cliccare qui per consultare il riassunto della sentenza.
  • Scendere lungo una strada extraurbana a una velocità di 60-65 km/h verso un sottopassaggio ferroviario e un incrocio situato appena dopo sebbene la visibilità non superasse i 25-30 m: condanna per violazione delle norme sulla circolazione (sentenza del Tribunale federale 6B_299/2011 dell'1.9.2011). Cliccare qui per consultare la sentenza.

Altre circostanze determinanti: giurisprudenza

Dalla giurisprudenza risulta che, oltre a quelle menzionate esplicitamente nella legge, occorre considerare anche altre circostanze (ad es. Besonderheiten in der Person des Fahrzeugführers), come l'esperienza o le conoscenze del territorio del conducente. Esempi tratti dalla giurisprudenza del Tribunale federale:

Neoconducente keyboard_arrow_down

Un neoconducente si avvicina alle strisce pedonali a una velocità di 93 km/h: omicidio con dolo eventuale e tentato omicidio plurimo (sentenza del Tribunale federale 6B_863/2017 del 27.11.2017). Cliccare qui per consultare il riassunto della sentenza.

Chi non conosce a sufficienza il proprio veicolo keyboard_arrow_down

Chi non conosce a sufficienza il proprio veicolo e viaggia a una velocità inadeguata alle condizioni (ad es. densità del traffico) mostra un comportamento che potrebbe provocare un incidente (sentenza del Tribunale federale 101 IV 67 del 25.2.1975). Cliccare qui per consultare la sentenza.

Limiti di velocità

Il legislatore ha definito limiti di velocità generali (ad es. 120 km/h sulle autostrade) e limiti per singole categorie di veicoli o manovre (cfr. art. 4a e art. 5 ONC).

I limiti di velocità sono intesi in termini assoluti keyboard_arrow_down

Devono quindi essere rispettati anche se il conducente ritiene, in base alle circostanze complessive, di poter circolare a una velocità superiore.

I limiti di velocità possono essere raggiunti solo se le condizioni sono favorevoli keyboard_arrow_down

Occorre inoltre osservare che i limiti di velocità possono essere raggiunti solo se le condizioni sono favorevoli. Esempi tratti dalla giurisprudenza del Tribunale federale:

  • Collisione tra un fuoristrada e un pedone di 8 anni. Il limite di velocità nei quartieri residenziali non può essere superato: condanna per lesioni colpose gravi (sentenza del Tribunale federale 6S.107/2007 dell'11.6.2007). Cliccare qui per consultare il riassunto della sentenza.
  • Avvicinarsi a un passaggio pedonale a una velocità di 50 km/h a mezzogiorno in situazione di forte traffico con pedoni su entrambi i lati della strada e un gruppo di bambini che giocano: condanna per lesioni colpose gravi (sentenza del Tribunale federale 121 IV 286 del 31.8.1995). Cliccare qui per consultare il riassunto della sentenza.

Conclusione

  • I limiti di velocità devono essere rispettati anche quando il conducente ritiene di poterli superare in tutta tranquillità.
  • La velocità massima indicata può essere raggiunta solo se le condizioni sono assolutamente favorevoli.
  • La velocità deve sempre essere adeguata alle circostanze specifiche.
shopping_cart
Vai al carrello
0

Congratulazioni, la sicurezza nello sport è importante per te.

Scopri i preziosi consigli dell’UPI per la tua attività sportiva.

Congratulazioni, la sicurezza nello sport è importante per te.