SPRACHE
>
>
Inizio scuole
Inizio scuole

​Attenzione, in strada i bambini sono imprevedibili

In Svizzera, ogni anno 950 bambini fino ai 14 anni s’infortunano nella circolazione stradale mentre sono a piedi, in monopattino o in bici. Quando le scuole riaprono i battenti i bambini si spostano più frequentemente. Per questo l’UPI, con il sostegno del Fondo di sicurezza stradale e della polizia, lancia una campagna sul percorso casa-scuola, volta a sensibilizzare i conducenti all’imprevedibilità dei bambini nella circolazione stradale.

Non c’è niente di più avventuroso per i bambini del tragitto casa-scuola. Si può giocare, divertirsi e raccontarsi le ultime novità. Purtroppo, spesso dimenticando le insidie della strada. In Svizzera si contano 950 incidenti stradali all’anno che coinvolgono bambini a piedi, in bici o in monopattino. 180 di loro riportano ferite gravi, e mediamente 7 bambini perdono la vita. Il 40% di questi incidenti si verifica sul percorso casa-scuola.
Nella fascia d’età tra 4 e 9 anni i bambini s’infortunano maggiormente attraversando la strada, sui passaggi pedonali o accanto ad essi. I bambini investiti da un’auto rappresentano ben tre quarti degli incidenti.

Doppia prudenza da parte dei conducenti

In vista della riapertura delle scuole l’UPI lancia una nuova campagna sulla sicurezza impostata su tre anni con cui sensibilizzare ai rischi della circolazione stradale correlati al percorso casa-scuola: i conducenti vengono resi attenti al fatto che il comportamento dei bambini sul marciapiede o sulla strada è per lo più imprevedibile e li porta a mettersi in pericolo. Questo non avviene intenzionalmente o a causa di una cattiva educazione, ma semplicemente perché si tratta di bambini. Ad esempio, a causa della loro statura hanno un campo visivo limitato e non riescono a vedere oltre gli ostacoli. Inoltre, a seconda dell’età non hanno ancora un senso del pericolo sufficientemente sviluppato. Per i bambini sotto i 10 anni, valutare la velocità di un’auto costituisce una grande sfida. Di conseguenza, gli automobilisti devono usare una doppia prudenza: nei confronti di loro stessi e anche dei bambini.

La circolazione stradale attraverso gli occhi di un bambino

In aggiunta ai manifesti, banner online e alle indicazioni sugli schermi dei distributori di benzina, la campagna offre diversi video di realtà virtuale a 360°. Grazie a occhiali speciali o cardboard, in combinazione con il proprio smartphone i film consentono di vivere un’esperienza incredibile: la circolazione stradale nell’ottica di un bambino. La campagna è stata realizzata dall’UPI in collaborazione con la polizia, e finanziata dal Fondo di sicurezza stradale.

Le iniziative sono rivolte agli stessi bambini: gli scolari di prima elementare hanno la possibilità di sorprendere adulti, parenti e conoscenti con una cartolina postale che al contempo li informa sul comportamento imprevedibile dei bambini nella circolazione stradale. Il messaggio è il seguente: «Ci sono molte cose che non so ancora fare bene nella circolazione stradale. Per favore usa prudenza nei confronti miei e dei miei amici.» Inoltre, la campagna propone cartoncini da piegare, adesivi, il sito web informativo doppia-prudenza.ch e molto altro ancora.

In occasione dell’avvio della campagna i bambini ci hanno raccontato con parole loro ciò che vedono per strada e come vivono il tragitto casa-scuola. Le loro risposte illuminanti sono riportate qui.

Cinque motivi per cui i bambini sono imprevedibili

  • I bambini sono giocherelloni e si distraggono facilmente.
  • I bambini non sono ancora in grado di valutare correttamente distanze e velocità.
  • I bambini sono ancora piccoli e hanno un campo visivo limitato.
  • I bambini non sono ancora in grado di cogliere per tempo i pericoli.
  • I bambini faticano a localizzare e contestualizzare i rumori.

Cinque consigli rivolti ai conducenti di veicoli per rendere più sicuro il percorso casa-scuola

  • Ricorda che i bambini sono imprevedibili.
  • Rallenta.
  • Sii pronto a frenare.
  • Fermati completamente davanti al passaggio pedonale.
  • Raddoppia l’attenzione in prossimità delle scuole.

 

 

 ‭(Ausgeblendet)‬ Wiederverwendung von Katalogelement

Ja