SPRACHE
>
>
Attenzione alla stagione dei pollini
Attenzione alla stagione dei pollini

Gli antistaminici possono limitare la capacità di guida

L’inizio della primavera viene associato allo sbocciare dei fiori, alla fioritura degli alberi... e ai pollini. In Svizzera, quasi due milioni di persone soffrono in questo periodo di lacrimazione, starnuti o prurito. L’allergia ai pollini («raffreddore da fieno») si cura con farmaci e rimedi casalinghi che leniscono i sintomi. Ma attenzione: alcuni principi attivi possono compromettere la capacità di guida.

In Svizzera l’allergia colpisce circa due milioni di persone. Molti riescono a controllare i tipici sintomi d’allergia ricorrendo ad antiallergici, gocce o pomate per gli occhi oppure a tranquillanti, e a volte ai principi attivi vegetali. Purtroppo, numerosi rimedi provocano stanchezza, rallentano i riflessi o riducono la capacità visiva.  Tutto questo influisce negativamente sulla capacità di guida. Soprattutto quando vengono assunti diversi rimedi contemporaneamente, a prescindere dall’obbligo di prescrizione medica, oppure in combinazione con l’alcol.

Un problema spesso sottovalutato

«Nonostante sia evidente che ad esempio la stanchezza come effetto collaterale costituisce un problema per la circolazione stradale, si tende a sottovalutarlo», spiega il direttore dell’UPI Stefan Siegrist. «Ogni anno sulle strade svizzere si contano 150 feriti gravi dovuti all’assunzione di medicamenti o droghe. Inoltre, riteniamo che esista un numero oscuro significativo, poiché i responsabili d’incidente sono sì sottoposti al test dell’alcol, spesso però viene trascurata la verifica dei principi attivi farmaceutici.»

L’UPI, la Federazione dei medici svizzeri FMH e la Società Svizzera dei Farmacisti pharmaSuisse rendono attenti alla problematica lanciando una campagna dal messaggio «Pensa, informati, guida!»; l’intenzione è di ridurre il numero di incidenti stradali gravi. Il materiale della campagna è messo gratuitamente a disposizione degli specialisti della salute e rappresenta un sostegno alla sensibilizzazione di pazienti e clienti.

Chi si mette alla guida pur avendo assunto farmaci dovrebbe osservare quanto segue:

  • Effetti collaterali: rivolgersi a uno specialista (medico, farmacista o droghiere) per informarsi sugli effetti collaterali dei rimedi assunti. Magari esistono principi attivi alternativi che non compromettono la guida.
  • Dosaggio: attenersi al dosaggio prescritto o rivolgersi a uno specialista. Anche un cambiamento di dosaggio può influenzare la capacità di guida.
  • Alcol: evitare alcol e altre sostanze quando si assumono medicamenti. Altrimenti si rischia un effetto eccessivo o ridotto dei farmaci.
  • Guida: mettersi al volante solo quando si è in pieno possesso delle proprie capacità.

 

 

 

 ‭(Ausgeblendet)‬ Wiederverwendung von Katalogelement

Ja