Comunicato stampa | 7 settembre 2021

Rilevazione UPI 2021 Tasso d’uso del casco per ciclisti mai così alto

Il 57 percento di tutte le cicliste e di tutti i ciclisti indossa un casco. Nel 2021 è stato rilevato il tasso d’uso del casco per ciclisti più alto dall’inizio dei rilevamenti annuali dell’UPI sul comportamento nella circolazione stradale. In auto, sui sedili posteriori la cintura viene allacciata dal più alto numero di persone da quando sono iniziate le rilevazioni. Sugli scooter e sulle motoleggere si rinuncia tuttora spesso alle protezioni.

L’anno scorso, sulle strade svizzere 934 persone in bici sono state ferite gravemente, negli incidenti con una e-bike 521 persone. Un mezzo efficace per poter prevenire almeno il rischio di ferite craniche gravi è l’uso del casco per ciclisti. L’UPI rileva annualmente il tasso d’uso del casco; quest’anno emerge che dall’inizio delle rilevazioni nel 1998 in Svizzera mai prima talmente tante persone hanno indossato il casco in sella a una bici: il 57% delle cicliste e dei ciclisti osservati. Considerevolmente di più rispetto al 2019 (52%).

Le cicliste e i ciclisti usano il casco il più frequentemente quando usano la bici nel tempo libero. Per fare la spesa lo fa soltanto ancora quasi la metà (32%). Nell’ultima rilevazione del 2019 però, sia per l’uso nel tempo libero (57%) sia per fare la spesa (24%) sono stati rilevati dei tassi d’uso più bassi.

Il tasso d’uso del casco è salito anche sulle bici elettriche lente (pedalata assistita fino a 25 km/h). Dalla rilevazione attuale emerge che il 70% delle persone osservate su una e-bike lenta indossa un casco. Nel 2019 lo faceva solo il 65%. Nelle biciclette elettriche veloci (pedalata assistita fino a 45 km/h), con obbligo del casco, il tasso si assesta a un costante 93% (2019: 92%). Nonostante questa evoluzione positiva del tasso d’uso del casco esiste un potenziale di miglioramento sia per la bici sia per l’e-bike. Le cicliste e gli elettrociclisti sono infatti particolarmente vulnerabili nella circolazione stradale. Per incrementare la loro sicurezza c’è bisogno soprattutto di un’infrastruttura ciclistica sicura. L’UPI si impegna a favore di un’infrastruttura sicura.

Sul sedile posteriore il 90% si allaccia

I sondaggi annuali dell’UPI considerano anche altri aspetti della sicurezza del traffico. Si osserva che diversi dati importanti si mantengono a livelli elevati. Per esempio il tasso d’uso delle cinture sul sedile anteriore: 40 anni dopo l’introduzione dell’obbligo, il 97% si allaccia al volante. Delle passeggere e dei passeggeri anteriori si allaccia il 96%. Nella rilevazione attuale emerge che per la prima volta il tasso d’uso sui sedili posteriori si avvicina a queste percentuali. Il 90% dei passeggeri posteriori osservati era allacciato. A prima vista questo risultato è soddisfacente. Visto però che la cintura di sicurezza è un elemento fondamentale per salvare la vita, in questa categoria si ha ancora un margine di miglioramento.

Sugli scooter e sui motorini le protezioni vengono usate meno

Quasi tutte le persone che viaggiano in moto, scooter o motoleggera indossano un casco. Per quanto riguarda le altre protezioni, dalla rilevazione attuale emergono differenze notevoli tra gli utenti di motociclette e quegli che guidano uno scooter o una motoleggera. Su uno scooter o una motoleggera la protezione completa consistente in casco, guanti, giacca e pantaloni da moto viene usata notevolmente più raramente.

La valutazione e l’incremento continuo del livello di sicurezza in Svizzera è una delle mansioni centrali dell’UPI. Le rilevazioni effettuate annualmente da persone appositamente formate dall’UPI forniscono dati essenziali per il lavoro di prevenzione dell’UPI. Nel 2020 a causa della pandemia da coronavirus non è stato possibile effettuare delle rilevazioni.

La rilevazione in dettaglio

Servizio

shopping_cart
Vai al carrello
0

Congratulazioni, la sicurezza nello sport è importante per te.

Scopri i preziosi consigli dell’UPI per la tua attività sportiva.

Congratulazioni, la sicurezza nello sport è importante per te.