Comunicato stampa | 16 novembre 2021

Meno di 100 morti sulle strade L'UPI sostiene l'obiettivo della Confederazione

Meno di 100 morti e meno di 2500 feriti gravi all'anno sulle strade svizzere entro il 2030: l'UPI sostiene l'ambizioso obiettivo dell'Ufficio federale delle strade (USTRA). Riuscire a ridurre gli incidenti con la stessa efficacia degli scorsi anni e decenni, tuttavia, non è affatto scontato. Considerato l'aumento del volume di traffico, l'obiettivo potrà essere raggiunto soltanto con misure ben studiate.

L’Ufficio federale delle strade (USTRA) si è posto l’obiettivo di ridurre i morti a meno di 100 e i feriti gravi a meno di 2500 all'anno sulle strade svizzere entro il 2030. La media attuale è di 219 morti e 3749 feriti gravi all'anno. Secondo l'UPI questo obiettivo è un segnale importante, ma costituisce anche una grande sfida. Per poterlo raggiungere la politica dovrà dare la massima priorità alla sicurezza stradale e considerare i nuovi problemi di sicurezza legati all'evoluzione della società.

Dallo stress da densità all'invecchiamento della popolazione

Il traffico, per esempio, è in costante crescita (si pensi in particolare alle bici e alle e-bike), l'automatizzazione avanza a spron battuto, i microveicoli elettrici sempre più in voga e la popolazione sempre più anziana. Lo si può sintetizzare con il concetto delle «4D»: il traffico è caratterizzato in misura crescente da fattori quali densità, diversità, digitalizzazione e demografia.

Per poter raggiungere l’obiettivo dell’USTRA sono necessari una strategia globale, un programma d’azione su vasta scala con misure preventive mirate e un approccio basato su dati. Occorre inoltre prestare particolare attenzione alle strade urbane. Oltre all'impegno della Confederazione è quindi richiesto quello di città, comuni e cantoni.

Meno morti nonostante il traffico in espansione

Per ridurre ulteriormente gli incidenti gravi all'interno delle località, dove il problema della densità è particolarmente sentito, sarà indispensabile una misura politica: si dovranno creare più limiti di velocità di 30 km/h negli abitati ma anche lungo le arterie principali sulle quali andrà però mantenuto il diritto di precedenza. A tal fine occorrerà ridurre gli ostacoli giuridici. Solo così i limiti di velocità di 30 km/h potranno diventare la nuova norma. Questo è il migliore esempio per evidenziare la necessità di adottare decisioni coraggiose, a prima vista scomode, ma tutto sommato ragionevoli se si considera che permetteranno di ridurre ulteriormente i morti sulle strade svizzere ed evitare molte sofferenze umane senza compromettere la fluidità del traffico. 

Forum dell'UPI

Meno di 100 morti stradali all'anno: in occasione del 22° Forum dell'UPI sulla circolazione stradale in programma (online) mercoledì 17 novembre dalle 15.30 alle 17.00, politici, rappresentanti delle autorità e specialisti della prevenzione degli infortuni si confronteranno per discutere questa sfida. Saranno presenti l'ex consigliere federale Moritz Leuenberger, il consigliere agli Stati Stefan Engler (Alleanza del centro/GR), il direttore dell'USTRA Jürg Röthlisberger e il direttore dell'UPI Stefan Siegrist. L’evento sarà condotto dalla moderatrice della SRF Sonja Hasler. I giornalisti possono iscriversi inviando una mail a media@upi.ch.

Servizio

shopping_cart
Vai al carrello
0

Congratulazioni, la sicurezza nello sport è importante per te.

Scopri i preziosi consigli dell’UPI per la tua attività sportiva.

Congratulazioni, la sicurezza nello sport è importante per te.